Avezzano – Antropologo propone nuovo festival per la marsica …con la emme minuscola

Redazione
Redazione
6 Minuti di lettura

La proposta è dell’antropologo Ernesto Di Renzo: “Festival diffuso dell’agroalimentare, la scommessa della marsica per diventare attrattiva”. Il sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio ha come al solito accolto e rilanciato la proposta, incaricando del progetto, seduta stante, il Di Renzo stesso.

Secondo il Gabinetto del sindaco si tratterebbe di uno dei pilastri di una “ampia strategia di rilancio del turismo e, più in generale, del territorio fucense – marsicano“. Un argomento certamente interessante per il nostro territorio, peccato che nel comunicato stampa diffuso dal settore Comunicazione del Gabinetto del sindaco la parola “marsica” è citata ben 4 volte e sempre …con la emme minuscola. In compenso, però, si è parlato di alti concetti come “Identità“, “Appartenenza“, “Memoria“, “Marca costitutiva del territorio” e, probabilmente, anche di “Radici“.

A parte questa nota di colore – che comunque la dice lunga sull’approccio all’argomento da parte dei nostri rappresentanti istituzionali e dell’intellighenzia locale – della questione se ne è discusso ieri in un incontro tenutosi nella Sala consigliare, organizzato dalla “amministrazione comunale e fortemente voluto dalle associazioni di categoria“. Presenti alla riunione i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Ance, CNA, Confindustria, Confagricoltura, Igp Patata del Fucino e dei comuni di Aielli, Cerchio, Collarmele, Collelongo, Gioia dei Marsi, Lecce dei Marsi, Ortucchio, Pescina, San benedetto, Trasacco, Villavallelonga.

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa integrale – e senza correzioni – diffuso dal Gabinetto del sindaco.

COMUNICATO STAMPA

Festival diffuso dell’agroalimentare, la scommessa della marsica per diventare attrattiva

Un Festival diffuso dell’agroalimentare per far compiere un vero salto di qualità alla capacità attrattiva della marsica e sviluppare un autentico sentimento di appartenenza.

È uno dei pilastri di un’ampia strategia di rilancio del turismo e, più in generale, del territorio fucense – marsicano emerso ieri, a palazzo di città, in un incontro organizzato dall’amministrazione comunale e fortemente voluto dalle associazioni di categoria.

Il Prof. Ernesto Di Renzo, antropologo, dell’università di Roma Tor Vergata, ha spiegato il progetto e la filosofia di fondo di una nuova visione che scommette sulle potenzialità, spesso, inespresse, della marsica lavorando su due divari da colmare. Manca un evento vetrina ed è mancato, fino ad ora, un progetto comune e condiviso.

Da qui, l’ampio ragionamento sui trend più attuali, sugli stili di consumo, su ciò che la gente vuole e cerca online.

Poi la proposta: un mega evento – vetrina capace di fungere da fattore promo-attrattivo verso un turismo di tipo enogastronomico- rurale che riprenda e rilanci la tradizione agroalimentare interconnessa con storia, vocazioni produttive, caratteristiche della zona intercettando anche quel green new deal attento alla salute del pianeta e collegato alle nuove tendenze e aspirazioni di consumo.

Ernesto di Renzo, avezzanese di nascita e residente a Roma, insegna proprio progettazione e gestione dei sistemi turistici, ed era stato una sola volta nell’aula consiliare per presentare il suo libro “Lo struscio e le sue rappresentazioni”. Il docente ha puntato inizialmente l’attenzione sull’obiettivo visibilità collegato ad un nuovo e possibile protagonismo del territorio.

“La marsica – ha detto di Renzo – è un “super luogo” che viene vissuto ma non genera appartenenza.  Il senso di appartenenza, tuttavia, si può costruire attraverso operazioni di ingegneria culturale e sociale, superando i localismi e puntando sulle località aggregate, come hanno fatto Salento e Cilento.

La marsica ha l’agroalimentare che, letto secondo le prospettive umanistiche, può essere la cifra e la marca costitutiva del territorio.

Per una particolare congiunzione storica, l’agroalimentare è il fattore cruciale per l’incoming turistico.

Sempre più viaggiatori vogliono fare un’esperienza di tipo enogastronomico memorabile cioè da consegnare alla memoria

Una delle parole più cercate su google è “tipico” ma questa operazione non è legata solo allo sviluppo turistico ma a creare un senso del noi”.

Lavorando con cura ed attenzione – ha concluso il prof. Di Renzo – può maturare anche il piacere e l’orgoglio di far parte di un territorio.

Abbiamo casi di successo recenti come l’evento “Collisioni” legato al barolo e alle langhe, o “Rieti cuore piccante” partito in sordina e con un po’ di scetticismo, e diventato una Fiera Mondiale del Peperoncino”.

Salento, Langhe, Cilento: esempi a cui si può guardare per qualcosa di complesso, ambizioso, ma certamente non impossibile e a cui, adesso, guardano con interesse e spirito collaborativo i partecipanti all’incontro in comune.

Tra questi, il sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio – che ha accolto e rilanciato la proposta delle associazioni incaricando Di Renzo del progetto- i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Ance, CNA, Confindustria, Confagricoltura, Igp Patata del Fucino e dei comuni di Aielli, Cerchio, Collarmele, Collelongo, Gioia dei Marsi, Lecce dei Marsi, Ortucchio, Pescina, San benedetto, Trasacco, Villavallelonga.

CITTÀ DI AVEZZANO – Gabinetto del Sindaco – Comunicazione

SULLO STESSO ARGOMENTO LEGGI:

Avezzano senza identità – Amministrazione comunale dall’antropologo

Condividi questo articolo