Avezzano Calcio – Arrestato il presidente Andrea Pecorelli

Redazione
Redazione
5 Minuti di lettura
Andrea Pecorelli, a destra nella foto. A sinistra il Sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio

Arresti domiciliari per Andrea Pecorelli. E’ ancora in corso l’operazione del Nucleo operativo della Guardia di finanza di Avezzano che ha portato agli arresti domiciliari Andrea Pecorelli insieme, pare, a un figlio.

A condurre l’indagine il Pm Maurizio Maria Cerrato della Procura della repubblica di Avezzano.

Ad Andrea Pecorelli – attuale presidente dell’Avezzano Calcio – sarebbe stato contestato il reato di cui all’art. 640 bis del codice di procedura penale e, pare, anche malversazione e autoriciclaggio.

Nel mirino degli inquirenti vi sarebbero delle movimentazioni di denaro indebitamente percepite per decine di migliaia di euro, che riguarderebbero anche l’Avezzano Calcio.

NOTA – Nella foto, il presidente Pecorelli con il sindaco di Avezzano [che non sarebbe coinvolto nell’operazione dei finanzieri (ndr) ] il 23 marzo scorso in occasione dell’incontro per la gestione dello Stadio dei Marsi. Si legge nel Comunicato stampa redatto dal nutritissimo Staff del gabinetto del sindaco: “La lunga stretta di mano tra il sindaco Giovanni Di Pangrazio, sceso in campo direttamente per risolvere una situazione complessa e incerta e il presidente dell’Avezzano calcio Andrea Pecorelli, visibilmente soddisfatto dall’incontro a palazzo di cittàL’intesa, che troverà forma in una nuova delibera, prevede convenzione fino al 2030 e canoni scomputati delle spese sostenute dalla società“.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO:

COMUNICATO STAMPA

Fiamme Gialle di Avezzano: “Operazione Rimessa dal Fondo”. Individuata ingente frode nella percezione degli Aiuti di Stato. Eseguite nr. 02 ordinanze di misure cautelari personali e sequestro documentale.

Nell’ambito delle attività di servizio a contrasto degli illeciti in materia di spesa pubblica ed in particolare per quanto attiene alle indebite percezioni degli Aiuti di Stato, la Compagnia della Guardia di Finanza di Avezzano, agli ordini del Capitano Francesco Mattiace, ha eseguito nr. 2 ordinanze di applicazione della misura cautelare personale (arresti domiciliari) nei confronti di altrettante persone fisiche, emesse dal G.i.p. del Tribunale di Avezzano dott.ssa Daria Lombardi, e nr. 8 perquisizioni locali nei confronti di società riferibili ai due soggetti indagati con sede ad Avezzano e Roma.

Le ipotesi di reato cui si procede sono quelle di Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, Malversazione di erogazioni pubbliche e Autoriciclaggio.

Le attività investigative, dirette dal Procuratore della Repubblica di Avezzano, dott. Maurizio Maria Cerrato, hanno permesso di individuare una ingente ed ingegnosa frode, quantificata in € 2.200.000,00, frutto di un mutuo chirografario garantito dal Fondo Centrale di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese nell’ambito del progetto Start Up contabilità ordinaria – legata all’aiuto di Stato Temporary Crisis Framework UCRAINA 2.2.

Attraverso l’esecuzione di preliminare attività d’intelligence, di mirati accertamenti bancari, acquisizioni documentali ed escussione in atti di persone informate sui fatti, è stata individuata una ingente frode perpetrata da una società di capitali la quale, fra l’altro, non risultava aver presentato le prescritte dichiarazioni ai fini II.DD., I.v.a. ed I.R.A.P., e che detiene le quote di una società sportiva dilettantistica militante nel campionato di serie D.

In esecuzione del disegno criminoso, la società, prima della stipula del contratto di finanziamento con un istituto di credito che ha svolto il ruolo di intermediario con il Fondo di Garanzia, ha artatamente deliberato un aumento del capitale sociale al fine di far apparire una florida situazione finanziaria finalizzata ad un progetto di investimento per la realizzazione di un centro polifunzionale sportivo nella città di Avezzano destinando le somme così ricevute per finalità diverse dallo scopo per il quale il mutuo era rilasciato.

L’amministratore di fatto avrebbe rappresentato la società, attiva nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, come una new-co nel settore dei centri sportivi. All’uopo ed al solo fine di ottenere illecitamente il finanziamento, sarebbe   stato presentato un progetto di investimento immobiliare per poi dirottare i fondi per finalità differenti, fra le quali, una cospicua parte di essi, quantificata in € 1.101.398 destinata a sostenere i costi di gestione della S.S.D. per il campionato di serie D della stagione 2023/2024.

L’attività di servizio conclusa si annovera fra le iniziative nelle quali il Comando Provinciale di L’Aquila della Guardia di Finanza profonde il massimo impegno nelle molteplici azioni contro gli sprechi di denaro pubblico che rappresentano il presupposto per un utilizzo trasparente ed efficiente dei finanziamenti nazionali ed europei.

L’Aquila, 4 luglio 2024

Guardia di Finanza, Comando provinciale L’Aquila

Condividi questo articolo