Avezzano – Ottant’anni dalla liberazione della città: il silenzio delle istituzioni

Avezzano fu liberata il 10 giugno 1944 dalla "Seconda New Zealand Army Division" in risalita dalla Valle Roveto, dopo lo sfondamento di Cassino. La lettera di protesta di un cittadino per le mancate celebrazioni a ottant'anni dalla liberazione della città

Redazione
Redazione
1 Minuti di lettura

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Spett.le Redazione Site.it

mi chiamo Emanuele Ciaccia e sono un cittadino avezzanese di 36 anni.

Vi scrivo per esternare tutto il mio stupore ed il mio rammarico nell’aver constatato che nessuno – dicasi nessuno – tra il Sindaco, l’Amministrazione Comunale, l’Ufficio Stampa, i Media, nessuno che abbia ricordato l’80esimo anniversario dalla liberazione di Avezzano, avvenuta il 10 giugno 1944 ad opera della Seconda Divisione Neozelandese.

La città fu tra le prime 10 città italiane più bombardate durante il conflitto mondiale, insignita per tale ragione della medaglia d’argento al valor civile.

Nessuna commemorazione, nessun evento a ricordare un momento che ritengo sia stato fondamentale della nostra storia. E se non siamo in grado di ricordare il nostro passato, da dove siamo venuti, beh allora non c’è speranza per il futuro.

Perdonate il mio sfogo, sono le parole amare di un cittadino che ama la sua città ed è orgoglioso delle sue origini, il quale si sente, suo malgrado, solo nel provare questo sentimento per un territorio ormai dimenticato da tutti.

Un cordiale saluto.

Emanuele Ciacciaemaciaccia@gmail.com

Condividi questo articolo