Di Pangrazio presenta “Vivi Avezzano 2024” a una città paralizzata – Video

Fallisce clamorosamente la presentazione del calendario degli eventi estivi messo insieme alla meno peggio dall’Amministrazione comunale: pioggia, cittadini assenti, organizzazione e comunicazione discutibile. Il flop penoso del sindaco tra traffico in tilt e cittadini inviperiti

Redazione
Redazione
5 Minuti di lettura

La presentazione del cartellone “Vivi Avezzano 2024” – che si è tenuta ieri pomeriggio accanto alla fontana monumentale di Piazza Risorgimento – è stata interrotta dalla pioggia che si è abbattuta come un gavettone sulla testa del primo cittadino.

La pioggia ha però fornito solo l’alibi per tentare di stendere maldestramente un velo pietoso sulla pessima organizzazione dell’evento: se si escludono amministratori, membri dello staff e addetti ai lavori, a brillare è stata l’assenza completa dei cittadini. GUARDA IL VIDEO:

Una vera Caporetto per sindaco e Amministrazione comunale, che in molti imputano soprattutto al nutritissimo Staff del gabinetto del sindaco e alla folta schiera di comunicatori messi da diversi anni a libro paga dal Comune di Avezzano. Certo è che se si esclude l’ottima performance della conduttrice – che è abilmente riuscita a catturare l’attenzione dei pochi presenti – l’evento in sé è stato un completo fallimento, sotto tutti i punti di vista.

Senza entrare nel merito della pessima soluzione grafica del manifesto adottato dal Comune, ad essere clamorosamente sbagliata è stata anche la Location. La manifestazione infatti si è tenuta all’aperto, in piazza, nonostante che sulla stessa pagina ufficiale facebook del Comune di Avezzano già diverse ore prima dell’evento era stato pubblicato un Avviso di condizioni meteorologiche avverse emesso dal Dipartimento della protezione civile nazionale.

Ma non finisce qui. L’apparato di comunicazione e propaganda al servizio del sindaco commette anche un altro errore, non di poco conto: la data.

La manifestazione infatti poteva essere tenuta in uno qualsiasi dei giorni scorsi (visto che diversi degli eventi previsti nel cartellone si sono già svolti), invece si sceglie di tenerla lunedì 1 luglio. Lo stesso giorno, cioè, in cui la città è stata tagliata in due con la scelta scellerata – interamente imputabile all’Amministrazione Di Pangrazio – di chiudere contemporaneamente per lavori due dei tre sottopassi che collegano la zona sud di Avezzano con quella nord, facendo letteralmente impazzire il traffico già dalla mattina.

La presentazione del cartellone era stata annunciata sulla pagina ufficiale del Comune nel primo pomeriggio con uno sgrammaticato post, che seguiva un comunicato stampa inviato solo in mattinata alle redazioni, tranne ovviamente che alla nostra.

Per rendere l’idea della brutta situazione in cui si è cacciato il Comune, riportiamo di seguito il post in questione con alcuni dei commenti critici che diversi cittadini sono riusciti a inserire, prima che lo staff del sindaco, colpevolmente, impedisse ai cittadini di pubblicare le proprie impressioni sulla questione:

Come si vede, ci troviamo di fronte a un vero e proprio effetto Boomerang. Questo è solo uno dei tanti segnali che, da alcuni mesi, suggeriscono che l’atteggiamento dei cittadini nei confronti di questa Amministrazione comunale e dei suoi giannizzeri stia lentamente ma inesorabilmente cambiando: l’unico che a quanto pare ancora non lo percepisce pare sia proprio il Sindaco.

A testimoniarlo è questo stralcio del suo sconclusionato intervento proprio nella presentazione del cartellone estivo, in cui il Sindaco Di Pangrazio “incoccia ancora sui presunti successi” della sua Amministrazione:

Noi siamo partiti già il 20 aprile, avvicinandoci al Giro d’Italia noi abbiamo fatto una serie di manifestazioni che siamo stati bravi a far conoscere Avezzano a tutto il mondo. Questa strada, viale Marconi, è stata un punto di merito perché in tutte le indicazioni che venivano date si vedeva mentre partiva viaggiava [incomprensibile] si muoveva su questa strada. Da là siamo partiti alla grande…

Ci permettiamo di ricordare al sindaco e ai lettori che proprio i lavori eseguiti su viale Marconi in occasione della Tappa del Giro d’Italia sono stato l’oggetto di una visita dei carabinieri per l’acquisizione dei relativi documenti…

Condividi questo articolo