Pescina – Al via la XXVI edizione del “Premio internazionale Ignazio Silone”

Redazione
Redazione
7 Minuti di lettura

COMUNICATO STAMPA

LA CITTÀ DI PESCINA E LA REGIONE ABRUZZO INVITANO ALLA XXVI EDIZIONE

DEL “PREMIO INTERNAZIONALE IGNAZIO SILONE”.

 19-22 AGOSTO 2023

La Cultura è un investimento Innovativo, Inclusivo e Sostenibile.

La XXVI Ed.del “Premio Internazionale IS” è oramai ai nastri di partenza, dal 19 al 22 agosto pv, la “Citta di Silone e Mazzarino”, accoglierà tutti gli amanti della cultura siloniana, attraverso il suo vitalissimo “Parco Letterario IS “, oramai nella rete dei quattro, riconosciuti dalla Regione Abruzzo. Quindi non più solo la legge istitutiva del prestigioso “Premio Internazionale IS”, ma anche la nuova normativa quadro sulla Cultura, che ne fa uno dei suoi strumenti di promozione”: Così si è espresso il Sindaco di Pescina, Mirko Zauri, già in sede di presentazione di questo appuntamento culturale, svoltosi nei giorni scorsi a L’Aquila, presso “Palazzo Silone”, nella Regione Abruzzo:” Un rapporto simbiotico, che ora si rafforza con nuovi strumenti e reti comuni- ha aggiunto Zauri, al fine di generare un formidabile valore aggiunto, non solo per rafforzare e diversificare l’offerta culturale regionale, ma anche la sua preziosa attrattività turistica, specie per quella storica, ambientale, sportiva, con il richiamo alle stesse tradizioni enogastronomiche uniche ed il ritorno dei nostri emigranti dall’estero”. Le quattro intense giornate- ha concluso il Sindaco, anche in veste di Presidente del “Centro Studi IS :” intendono:” esaltare fino in fondo l’anima siloniana, con l’intero territorio della Valle del Giovenco, della Marsica e dell’Abruzzo tutto, posta al la base del suo lungimirante dossier “La Cultura non Spopola”, che ha consentito a questa fiera Città di arrivare alle Finale di Capitale della Cultura 2025″, a nome di tutte le aree interne del Paese”. L’apertura sabato 19 Agosto pv, con il ritorno al passato delle sue tradizioni più vere, al centro del “Rifugio Silone”, con la riproposizione di arti e mestieri antichi della sua cultura contadina e lo strategico progetto di “RecuperArti”, per rivitalizzare la filiera laniera, di pregio. Domenica 20 agosto, nell’Auditorium del Teatro San Francesco si svolgerà un’approfondita riflessione sugli attualissimi temi delle migrazioni, da quelle storiche, anche dell’esilio, fino allo scenario ancor più drammatico dell’esodo impetuoso in atto, dal continente africano verso un Europa, quasi attonita. Lunedì 21 agosto l’altro confronto, orientato su come integrare e massimizzare tutti gli strumenti di promozione della cultura, siloniana”, tra i valori della necessaria conservazione dei temi centrali della libertà, uguaglianza e democrazia compiuta dei diritti umani e civili, con le nuove forme d’aggregazione e di comunicazione specie verso le ultime generazioni, sempre più “globali e social”:Dal “Parco Letterario IS” a Capitale della Cultura Italiana  ed abruzzese, valorizzandone altresì la ricerca ed i laboratori creativi degli studenti, con il libro “Una Manciata di Storie” e con l’intima rilettura teatrale , quasi profetica, di una opera potente come “Uscita di Sicurezza”, qui in prima nazionale a cura del “Teatro dei Colori”.

La Giornata conclusiva del 22 agosto, vedrà la tradizionale commemorazione della scomparsa, sulla sua Tomba, di Secondino Tranquilli, ovvero l’uomo, prima ancora che lo scrittore Ignazio Silone, ricordandone gli stessi tratti distintivi della sua origine marsicana ed abruzzese, tanto forti ed originali.

A seguire gli studenti dell’Istituto Comprensivo Fontamara di Pescina saranno protagonisti in lingua dialettale dello spettacolo itinerante “p ll vie di Casteje”. 

La Premiazione dalle 17.30  esprimerà il più caloroso abbraccio di tutti i pescinesi, presentì le massime autorità istituzionali della Regione e del Parlamento nazionale, al suo eminente studioso ed autentico filantropo e mecenate siloniano: la prestigiosa figura del Prof. Avv. Emmanuele F.M. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro Internazionale, di Roma, che ha conosciuto lo stesso I.Silone e ancora lo aiuta a far conoscere al mondo. Accanto ad essa la tesi e le Menzioni d’Onore a studiosi ed associazioni, che si sono distinti nella promozione dei valori siloniani della verità, giustizia e solidarietà verso gli “ultimi”, contro ogni forma di violenza ed oppressione, con la promozione viva del messaggio universale del grande autore di un capolavoro come Fontamara; Così si celebreranno i 90 anni dalla sua pubblicazione, in una terra ed in una lingua straniera, che verrà ripresa nella sua sessione invernale, con le scuole, anche commentando lo speciale documentario di Rai 5. Dopo lo stesso Docufilm “Il Giovane Silone”, su uno dei massimi intellettuali del ‘900, che ha ricercato sempre l’”Uscita di Sicurezza” attraverso tutte le opere letterarie e teatrali, con la sua stessa rivista “Tempo Presente”, che ancora oggi brilla e ne coltiva la sua missione originaria, al servizio del libero pensiero. Cosi Pescina è pronta ad accogliere tutti, mostrando lo scrigno dei suoi gioielli, in tutto il loro splendore, ora anche con la maestosa “Torre Piccolomini”, che domina la grande Piana del Fucino, un tempo” croce e delizia” dei suoi “cafoni”.

Gli spettacoli a tema illumineranno le magiche notti pescinesi:

  • Sabato 19 agosto 2023, con l’esibizione della suggestiva” CORALE FOLKLORISTICA FONTAMARA”;
  • Domenica 20 agosto l’intera giornata dedicata alle migrazioni si chiuderà con il concerto: “L’ABRUZZO, LA MARSICA, PESCINA, SILONE, I SUONI DELLA TRANSUMANZA”, a cura dell’Associazione Mario Lucci;
  • Lunedì 21 agosto, nel Chiostro del Teatro San Francesco, il “Teatro dei Colori”, proporrà l’intensa serata teatrale di “USCITA DI SICUREZZA, LA PENA DEL

RITORNO…RIPENSARE IL PROGRESSO”, di e con il Maestro Gabriele Ciaccia;

  • Martedì 22 agosto la chiusura presso Piazza Duomo, con lo spettacolo di e con Giobbe Covatta, “LA DIVINA COMMEDIOLA”: Il grande commediografo, Ambasciatore dell’Amref e Testimonial di Save The Children per il Terzo Mondo, rivedrà l’opera dantesca

descrivendone non i suoi peccatori, ma le loro vittime, i bambini, i più deboli e indifesi, che” non hanno cognizione dei loro diritti”.

Sergio Venditti sergio1.venditti@gmail.com

Condividi questo articolo